Pat Benatar
The Italian Site
    Home        Pat Benatar        Discografia        Video e Canzoni        News        Foto Tour Link Recensioni        Contatti 
          
 Video e Canzoni
Video e Canzoni >> Metropolis

Nel sito italiano dedicato a Pat Benatar non poteva mancare uno spazio su “Here’s My Heart”, la canzone tratta dalla colonna sonora del film “Metropolis”(1984), frutto dell’estro dell’italiano Giorgio Moroder e dell’incomparabile bellezza vocale di Pat.
Le virtuosità di Moroder si sviluppano a livello embrionale nell’ambito di una famiglia di artisti del Nord Italia, ad Ortisei, nella montagnosa Val Gardena. La sua creatività si spinge a 360 gradi dalla progettazione di opere al neon all’elaborazione di auto sportive, ma sarà nell’ambito delle sperimentazioni musicali che Moroder raggiungerà la fama a livello mondiale.
Precursore nell’uso dei sintetizzatori si impegna tenacemente negli anni settanta all’esplorazione di nuovi ritmi e suoni, ricerca che culminerà con la creazione del fenomeno “Donna Summer”. Nel 1984 Moroder lavorò al restauro di “Metropolis”, un famoso film muto del 1927, di cui acquistò i diritti. La nuova versione di “Metropolis” veniva così colorata, riformattata a 24 immagini al secondo e soprattutto arricchita da una moderna colonna sonora rock.
Le innovazioni apportate accesero un aspro dibattito che portò in egual misura critiche ed apprezzamenti positivi. La versione “Moroder” di “Metropolis” ebbe ad ogni modo il merito di riportare alla ribalta un capolavoro dell’espressionismo tedesco, definito da molti come la migliore creazione del regista Fritz Lang. Il cinema espressionista tedesco nacque negli anni venti con l’utilizzo di set stilizzati e di una recitazione fatta di scatti e movimenti innaturali.
“Metropolis” costituisce il più famoso kolossal del muto, utilizzò più di 35000 comparse e richiese 19 mesi di riprese negli interni dello studio Staakan della UFA, la più prestigiosa casa cinematografica dell’epoca, a Neubalbelsberg, vicino Berlino. Per la prima di New York furono venduti più di 10000 biglietti. La pellicola originale della durata di 3 ore e venti minuti è andata in gran parte persa. Oltre alla versione di Moroder di 80 minuti ne esiste un'altra di 147 minuti restaurata da Enno Patalas ed un’ultima curata da Kevin Saunders Hayes nel 1997.
Dal punto di vista tecnico il film faceva uso di sistemi di ripresa strabilianti per quegli anni: una fra tutte, la tecnica dell’animazione a passo uno per la realizzazione di effetti speciali, tecnica che rimase in uso fino all’utilizzo della computer grafica.
Il Registro Memory of the World, nato sotto l’egida dell’UNESCO nel 1992 per salvaguardare le opere più rilevanti dell’umanità, annovera “Metropolis” come primo tra i film inseriti per il suo elevato valore tecnico e culturale.
“Here’s my Heart” compare più volte nel film di Moroder. Il breve video presentato in questa pagina rappresenta uno dei momenti più toccanti del film, quello dell’incontro fatale fra Freder, figlio dell’ultramiliardario Joh, dominatore della superindustrializzata città di Metropolis, e Maria che vive nella città sotterranea fra migliaia di consimili in condizioni di schiavitù.
La voce di Pat Benatar non può che costituire il perfetto coronamento di questa ripresa, un perfetto anello di congiunzione fra antico e moderno. 

 Luca Ansaldo


 

The reproduction of videos in this site is for nonprofit purposes. The material used follows the Fair Use Doctrine. Anyway all copyright holders can
immediately obtain the removal of their stuff after e-mail request to the webmaster.

 

 Pat Benatar The Italian Site - Piazza Alimonda 14 R Genova (GE) - C.F. NSLLCU64S27D969X - Privacy - Note legali
Powered by Logos Engineering - Lexun ® - 26/05/2017